Come muore un italiano

Dal blog di Beppe Grillo

“Ieri sera il militare italiano Nicola Calipari si è buttato sulla “non incorporata” Giuliana Sgrena per proteggerla dalla mitraglia statunitense.
I soldati di Bush gli hanno “incorporato” una raffica di mitra, uccidendolo.

“Noi siamo spendibili, gli ostaggi no” aveva dichiarato il militare.

Come muore un italiano lui non l’ha detto.
Ma lo ha fatto vedere.
Un vero eroe italiano.”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Share on TumblrEmail this to someone

Yankees go home!

Un blindato americano (teoricamente alleati) ha sparato sull’auto che portava Giuliana Sgrena all’aereoporto uccidendo Nicola Calipari, il mediatore che ha contribuito alla liberazione della giornalista, ferito Giuliana e l’autista.
In poche parole gli americani hanno sparato per uccidere fregandosene di chi c’era nella macchina!
Calipari è morto facendo da scudo per proteggere Sgrena.

La rabbia prende il posto della gioia.
Continue reading “Yankees go home!”

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Share on TumblrEmail this to someone

komunismo

Letto, approvato e sottoscritto.

Da dot-coma

in Brasile eleggono – anche tanti dei ricchi! – un bravo e misurato sindacalista di famiglia poverissima come Primo Ministro, fanno di un grande cantante come Gilberto Gil il Ministro della Cultura, sono il primo Paese al mondo ad abbracciare ufficialmente le licenze Creative Commons e stanno passando la Pubblica Amministrazione su software Open Source. da noi, prende i voti anche degli operai di Mirafiori un pagliaccio che promette pane, figa, e televisione per tutti, loghi e suonerie sono la più grande industria “hi-tech” del Paese, Parmalat e Volare fanno crac, Alitalia e Fiat si salvano per il rotto della cuffia (e quest’ultima si bulla pure della cosa…) e abbiamo un sindacalista salottiero e snob con la erre moscia che non sa neanche cos’è Linux ma in compenso vuole abolire la proprietà  privata…

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Share on TumblrEmail this to someone

I love Steffi

Ebbene si, l’ammetto: sono follemente innamorato di Steffi Graf!
Da sempre, da quando ha esordito sui campi di tennis e l’annuncio e poi il matrimonio con Andrè Agassi hanno dato una brutta botta al mio stato psichico (come puಠtestimoniare chi mi conosce).
Proprio ieri compulsando un periodico di interesse mondiale (Sports Illustrated Swimsuit Edition) ho trovato l’archivio dei numeri degli anni scorsi.
Per dimostrare la mia teoria sulla bellezza di Steffi non dovete far altro che scorrere la lista delle modelle dal 1996 al 2004 per trovare anche lei. Non venite a dirmi che ha il naso grosso, perchè NON e’ VERO!
Cercando su Google saltano fuori diversi siti con immagini della Graff mentre il suo sito ufficiale lo trovate qui.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Share on TumblrEmail this to someone