David Letterman Show: 4263 puntate, 22 stagioni

Questa notte è stata trasmessa l’ultima puntata del Late Show with David Letterman in onda ininterrottamente dal 1993. Lo spettacolo che molti hanno cercato di imitare (in Italia ricordiamo un tentativo di Luttazzi miseramente fallito) non si è interrotto neanche quando Letterman ha dovuto subire un intervento al cuore cambiando presentatori puntata dopo puntata.

Per capire l’importanza di tutto ciò basta vedere gli ospiti che sono andati a rendere omaggio a Letterman nelle ultime settimane e i commossi saluti da parte di colleghi in onda su altri canali, a volte in piena concorrenza d’orario (Jimmy Fallon, Jimmy Kimmel).

L’ultima Top Ten è dedicata proprio a David ed è recitata da 10 star tra quelle che più sono state ospiti del programma.

https://www.youtube.com/watch?v=BBf8MyGaEk4

 

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Share on TumblrEmail this to someone

Giovanni Frisiani

frisiani
Quando arbitri la prima partita di football americano non importa quanto conosci il gioco perchè le prime azioni saranno solo e assoluto caos organizzato. Ho avuto la fortuna, nella mia prima partita da arbitro (Warriors vs Skorpions giocata a Torino in un campo sotto il livello del Po) di avere Giovanni Frisiani alle mie spalle che, senza dire una sola parola, mi ha dato la sicurezza necessaria per fare quello che dovevo fare.

Da quel momento è nata non solo una collaborazione tra colleghi, ma una vera amicizia che ci ha portato a condividere campi in giro per l’Italia, discussioni su regolamento e futuro arbitrale, formazione di nuovi arbitri, pranzi e cene. I tuoi racconti sono ormai patrimonio di tante persone sparse per lo stivale, delle migliaia di persone che hai incontrato sui campi e che hanno sempre avuto un ottimo ricordo di te.

La zingarata per i tuoi 75 anni, con camicia commemorativa e due partite nel weekend. Sabato sera Trieste e domenica pomeriggio Bergamo con il ragazzo al segna down che molla tutto per andare a prendere un ombrello.

L’ultimo anno non è stato bello per te, non meritavi di andartene così, ma quello che hai lasciato per noi che rimaniamo sarà il ricordo di una persona stupenda.

Gli americani la chiamano legacy, io la traduco come grazie per tutto quello che mi hai dato come amico e come arbitro e per tutti i bei ricordi che mi porterò dietro pensandoti.

Addio mio caro amico.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Share on TumblrEmail this to someone

Esperimenti sociali

Tutto nasce da questo:

che si è trasformato in questo:

@nflitaly

Settimana prossima dobbiamo migliorare.

 

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Share on TumblrEmail this to someone

Derek Jeter = RE2PECT

Derek Jeter è lo shortstop (interbase) dei New York Yankees e di certo non molto amato da queste parti 🙂

Derek ha deciso di ritirarsi a fine stagione, dopo 19 anni sui campi tutti per gli Yankees con cinque World Series vinte (in una MVP), cinque Gold Glove e tanti altri riconoscimenti. Dal 2003 è anche il capitano della squadra.

Come Mariano Rivera l’anno scorso ogni stadio tributa a Jeter gli onori che si merita e la Nike ha realizzato un video in cui personaggi famosi e non si levano il cappello in onore di Derek.

RE2PECT

https://www.youtube.com/watch?v=X03_bNuihLU

via che palle

 

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Share on TumblrEmail this to someone