Compagni che sbagliano

Consorte ed il suo vice si dimettono da Unipol a seguito dell’inchiesta sugli amici del quartierino capitanata da Fiorani.
Le giustificazioni di Consorte per i 50 milioni di euro trovati sui suoi conti sono al limite del ridicolo: “consulenze per Gnutti“.
Grazie allo scudo fiscale del governo Berlusconi il prode Consorte non potr essere accusato di nulla perch ha condonato utilizzando una delle leggi pi contestate dal centrosinistra.
Non leggo dichiarazioni di Fassino e D’Alema che hanno confuso la difesa del sistema cooperativo con la difesa di due manigoldi ma ho letto l’intervista a Napolitano su Repubblica di oggi che condivido in pieno:
“..devono riconoscere (Fassino e D’Alema), sulla vicenda dell’Opa, di aver sottovalutato il rischio di comportamenti impropri e di aver mostrato eccessiva fiducia nella persona del presidente dell’Unipol. Queste valutazioni sono messe in dubbio dai fatti.”

Molte volte il silenzio meglio di tante parole.
Amen